immagine logo

Lampadine LED: Come risparmiare sulla bolletta della luce

Perchè le lampadine a LED sono le migliori per risparmiare sulla bolletta della luce?

immagine lampadine Negli ultimi anni la scoperta di nuove tecnologie ci ha permesso di avere sistemi sempre più "green", andando incontro alle esigenze dei nuovi stili di vita e dello sviluppo sostenibile. Nel campo degli impianti elettrici, in particolare, nel 2009 il consiglio europeo ha preso un’importante decisione che ci ha costretto a ripensare alla nostra illuminazione di casa, bandendo le lampadine a incandescenza con la Direttiva 2009/125/UE ErP. Da allora sugli scaffali dei supermercati e dei centri specializzati sono comparse diverse tipologie di lampadine a risparmio energetico, ma qual’è la più conveniente?
Sicuramente la lampadina LED (Light Emitting Diode) è la migliore in tema di risparmio energetico. Per capire il motivo basta confrontare le sue caratteristiche tecniche con le lampadine che comunemente si trovano nelle nostre case, ovvero le lampadine a incandescenza, le lampadine alogene, e le lampadine fluorescenti (quest’ultime, come le luci LED, sono lampadine a risparmio energetico). I valori riportati riguardano i dati medi perchè in base al produttore le lampadine presentano specifiche diverse. Durante l’acquisto è quindi consigliabile leggere bene i dati riportati sulla confezione dove, per obbligo di legge, troverete i Watt (W) e i kilowattora (kWh), i lumen, la temperatura di colore, il tipo di attacco, la classificazione di efficienza energetica e la durata espressa in ore e talvolta in anni.

Lampadina LED e consumi (Watt)

immagine consumi lampadinePrendiamo come riferimento 1100 Lumen, quanti Watt consumano le lampadine a questa luminosità? Le lampadine incandescenti bruciano 75 Watt, le lampadine alogene 53 Watt, le lampadine fluorescenti 19 Watt e le lampadine LED 13 Watt. In media quest’anno un kilowattora è costato agli italiani 0,16 centesimi (senza imposte), facendo un semplice calcolo su 1000 ore di utilizzo di una singola lampadina (circa un anno usando la luce per 2/3 ore al giorno) andremo a spendere con la lampadina a incandescenza 12 euro, con la lampadina alogena 8,48 euro (risparmio fino al 30%), con la lampadina fluorescente 3,04 euro (risparmio fino al 75%) e con la lampadina LED 2,08 euro (risparmio fino al’80%).
Un altro fattore molto importante nel consumo di energia è che la lampadina LED non si riscalda per cui tutta l’energia viene utilizzata per emettere luce, cosa che non avviene nelle altre lampadine. Ad esempio nelle lampadine incandescenti (che sono quelle che producono più calore) ben il 95% dell’energia viene consumata per scaldare il filamento metallico e solo il 5% serve per emettere luce.

Lampadina LED e durata

immagine orologio La durata nelle lampadine viene espressa sulla confezione, per obbligo di legge in ore e in modo facoltativo in anni. Le lampadine a incandescenza hanno una durata di circa 1000 ore (1 anno o poco più), le lampadine alogene hanno una durata di circa 2000/7000 ore (da 1 a 7 anni), le lampadine fluorescenti hanno una durata di 6.000/15.000 ore circa (da 6 a 15 anni) e le lampadine LED hanno una durata di 20/25.000 ore ma alcune arrivano fino a 50.000 ore (più o meno 15/25 anni e oltre).
Da questi valori è evidente che in termini di durata e costo del prodotto la lampadina LED è la più conveniente perchè, anche se il prezzo all’acquisto è un pò più alto delle altre, la lunga durata ripaga l’investimento.

Lampadina LED e luminosità (Lumen)

immagine lampadina accesaPer quanto riguarda la luce emessa molti sono convinti che le lampadine LED non raggiungano un’elevata luminosità, in realtà non è così. Normalmente in casa, in base all’ambiente (che sia la cucina, il bagno, la camera, la zona di passaggio o di lettura) si scelgono lampadine di diversa luminosità con un range tra i 50 e 500/1000 Lumen. Le lampadine LED rientrano in questa fascia infatti possono emettere luminosità da circa 90 a 9.000 Lumen. Le lampadine fluorescenti non sono adatte per ambienti a bassa luminosità perchè partono da 220 Lumen fino ad arrivare a 1.800 Lumen, come la lampadine alogene che vanno da circa 130 a incredibilmente 48.000 Lumen (molto utili per illuminare la vetrina di un negozio, certamente non per gli ambienti di casa). Le lampadine a incandescenza possono avere 54/1000 Lumen, ricoprendo perfettamente la fascia dell’illuminazione domestica sono però, come abbiamo detto, ad elevati consumi.

Lampadina LED e temperatura di colore (Kelvin)

immagine temperatura di colore lampadina La temperatura di colore si misura in Kelvin (K). Lo spettro cromatico va dai 1800k per il colore più caldo ai 16.000K per il colore più freddo. Le lampadine a incandescenza arriva fino ai 2.700K, il colore quindi va tra il rosso e l’arancione. Le lampadine alogene arrivano fino ai 4200K, raggiungendo quindi il colore bianco freddo. Le lampadine fluorescenti comprendono i 2.700K/6.500K. Infine le lampadine LED ricoprono la fascia 2.700K/4.000K, passando le fasi dello spettro cromatico dette bianco caldo, bianco neutro e bianco freddo, nonostante ciò le sue caratteristiche fisiche permettono ai produttori di cambiare facilmente il colore del rivestimento ottenendo così diverse colorazioni, rendendola adatta a tutte le situazioni.

Dunque sostituire in casa tutte le lampadine tradizionali con luci a LED comporta dei benefici subito evidenti non solo nella bolletta della luce (l’8% dei consumi del tuo impianto elettrico è costituito dall’illuminazione interna ed esterna), ma dona stile e rende gli ambienti più confortevoli grazie alle sue alte prestazioni.

Per info e preventivi

Hai bisogno di realizzare o riparare un impianto elettrico?
Contattaci per un preventivo gratuito.

Dove operiamo:

Eseguiamo impianti elettrici per le province di:

Lodi, Milano, Como, Torino, Novara, Piacenza, Pavia, Parma, Reggio Emilia, Modena, Cremona, Brescia, Bergamo.